Il Cardo Mariano

Parte utilizzata della pianta: il frutto

Il cardo mariano viene ancora chiamato cardo Notre-dame  perché una vecchia leggenda attribuisce le chiazze bianche della foglia a delle gocce di latte della vergine. Il suo uso tradizionale ed empirico nei disturbi del fegato è stato provato scientificamente grazie alla messa in evidenza di un principio attivo chiamato silimarine.

Esso esercita un’azione diretta sulle cellule del fegato in quanto le rigenera  e combatte le sostanze epato-tossiche (alcool o altri veleni di origine alimentare). E’  un epatoprotettore, ( prtotegge il fegato ) i frutti del cardo mariano sono utilizzati anche come emostatici e tonici vascolari.

Il cardo mariano è indicato nelle condizioni di sofferenza organica e funzionale, e può essere usato con successo nelle epatiti da cause tossiche nella cirosi epatica  e nelle epatoterapie croniche. Si trova in tintura madre, compresse e in tisana

Si usa per: insufficienza epatica, cirrosi epatica, alcolismo,epatite virale, intossicazione alimentare, emorragie di diversa origine.

Articoli che trattano l'argomento -

Inserisci un Commento


Basato su WordPress | Web Partner: Non Solo Nozze | Ricette Veloci