Il massaggio per il viso

massaggio al viso

Il massaggio del viso e del collo distende i tratti, ravviva il colorito, rilassa, aiuta a prevenire le rughe e ottimizza l’efficacia dei trattamenti cosmetici. Un trattamento efficace che è possibile fare da sole. Per eseguirlo correttamente, donando in pochi minuti più luce, colore e levigatezza alla pelle, basta imparare i movimenti giusti. Ecco come procedere.

Il massaggio si può fare tutte le volte che si hanno almeno dieci minuti di tempo a disposizione. Per prima cosa si deve avere la pelle perfettamente pulita in modo che i principi attivi vengano assorbiti in modo ottimale dalla stesa, quindi provvederemo alla pulizia con latte detergente seguito dall’applicazione di tonico.

La sequenza dei movimenti si può ripetere al mattino, oppure alla sera, prima di andare a letto, usando sempre una crema idratante. Se si vuole ottenere un effetto rigenerante e attenuare i segni si può usare una crema anti-età. Il massaggio con il prodotto anti-età è utile anche prima di uscire per una serata fuori, per togliere la stanchezza dal viso e farlo apparire subito più fresco e luminoso. Se si hanno problemi particolari al contorno occhi o nella zona intorno alle labbra, come piccole rughette o gonfiori, si possono usare prodotti specifici, che rendono lo sguardo più riposato e attenuano linee e segni di espressione su queste zone particolarmente fragili.

Applicare la crema sul collo con il palmo delle mani, effettuando leggeri sfioramenti che partono dal mento e arrivano al décolleté: i movimenti devono essere continui e discendenti, staccando ogni volta le mani quando si arriva alla base del collo.
Se ci sono delle zone che presentano rilassamenti, si friziona in modo deciso con la punta delle dita, in senso circolare, per stimolare l’ossigenazione cutanea e favorire il vigore dei tessuti. In presenza di rughe,  si “pinzano” e si fanno scorrere fra il pollice e l’indice, poi si “stirano”, facendo scivolare la punta degli indici dal centro verso l’esterno, seguendo tutta la lunghezza del solco.

Sul naso e sulle guance si stende una piccola dose di crema ai lati del naso e al centro delle guance.
Si massaggia prima il dorso del naso con l’indice piatto della mano destra, dalla punta fino all’attaccatura delle sopracciglia, con movimenti ascendenti.
Quindi si appoggiano i polpastrelli ai lati del naso e si massaggiano con piccoli movimenti circolari verso l’esterno. Poi si ripetono gli stessi gesti sulle guance, con delicatezza. Sulle tempie è utile esercitare leggere pressioni con la punta delle dita, per un immediato effetto rilassante.
Dopo aver applicato un’altra piccola dose di crema sulle guance, si appoggiano gli indici paralleli ai lati del naso e, passando sotto la palpebra inferiore, si fanno scivolare prima dagli zigomi verso le tempie, poi più sotto verso i lobi delle orecchie, stirando la pelle con delicatezza. Per “levigare” le rughe: si “pinzano” in senso perpendicolare al solco, poi si “distendono” con la punta dell’indice, come sopra. Per le rughe naso labiali (dai lati del naso agli angoli della bocca), si procede nello stesso modo ma dal basso verso l’alto.

Sulla fronte si stende una dose di crema, poi con le mani piatte e la punta delle dita unite, si massaggia la fronte, dalle sopracciglia all’attaccatura dei capelli. Esercitando piccole pressioni con la punta dell’indice si disegnano delle piccole virgole perpendicolari alle rughe frontali, sulla fronte e alla radice dei capelli. Quindi, di nuovo con le dita piatte e partendo sempre dal centro della fronte, si eseguono dei leggeri stiramenti verso le tempie, per rilassare la pelle. Le linee di espressione e le piccole rughe risulteranno meno evidenti.

Il contorno degli occhi: su questa zona il prodotto va applicato con movimenti leggerissimi, senza sfregamenti o pressioni decise.
Per prima cosa si “strizzano” le sopracciglia fra pollice e indice, dal centro verso l’esterno, per almeno 3 volte. Poi, dopo aver prelevato una piccola quantità di prodotto, si picchietta delicatamente con la punta dell’anulare: il movimento del polpastrello deve descrivere un cerchio che parte dall’angolo interno della palpebra superiore e arriva all’angolo interno della palpebra inferiore. Sulle tempie e sull’angolo esterno dell’occhio, dove si formano le cosiddette “zampe di gallina” è bene soffermarsi, picchiettando per qualche secondo in più in modo da tonificare la pelle e distendere le eventuali rughe. Per attenuare borse, occhiaie e gonfiori, dopo aver applicato la crema, si esercitano leggere pressioni con la punta dell’indice nella zona sotto gli occhi, alla base della palpebra inferiore, procedendo dall’angolo interno dell’occhio verso quello esterno, per aiutare la smaltimento dei liquidi.

Dopo aver applicato un velo di crema sulle labbra, si tirano leggermente gli angoli della bocca con le punte degli indici per almeno 3 volte.
Poi, si stende nuovamente una piccola dose di prodotto sopra il labbro superiore e sotto quello inferiore e si massaggia delicatamente sul contorno, dal centro verso l’esterno, con la punta dei polpastrelli. A scopo preventivo, è sempre meglio affidarsi a un prodotto specifico, appositamente formulato per il contorno labbra. Se la zona è molto segnata, invece, è indispensabile utilizzare una specialità ristrutturante, nutriente e a leggero effetto tensore.

Una volta terminato il massaggio, portare le mani piatte a V sotto la punta del mento e farle risalire lungo la mascella con un movimento deciso verso le tempie. Poi pizzicare delicatamente tutto il contorno dell’ovale del viso, dal basso verso l’alto, cioè dalla punta del mento fino alla fronte, per stimolare i tessuti e rassodare la pelle.

Articoli che trattano l'argomento -

Inserisci un Commento


Basato su WordPress | Web Partner: Non Solo Nozze | Ricette Veloci