Truccarsi con le terre

LE TERRE

La terra rende la pelle omogenea e regala un effetto abbronzatura dorata tutto l’anno . In estate è il prodotto ideale per intensificare e uniformare una tintarella, mentre d’inverno quando il colorito è un po’ piu’ spento è perfetta per riprodurre in modo naturale un’abbronzatura luminosa.
Le nuove formulazioni contengono un mix di polveri sferiche che la rendono estremamente sfumabile, derivati siliconici che aumentano la setosità e favoriscono la lunga durata , talco che assorbe la lucidità della pelle e permette di conservare tutto il giorno un aspetto vellutato, piu’ agenti idratanti e protettivi come le vitamine A, C ed E.
-Prima di stendere la terra , applicare un velo di cipria su tutto il viso, cosi’ il pennello “scorre” piu’ facilmente: in questo modo l’applicazione risulta omogenea senza macchie
– Si applica utilizzando un pennello di media dimensione in setole naturali: prelevare un po’ di prodotto e stemperarlo sul dorso della mano prima di applicarlo sul viso . Per evitare di creare antiestetici stacchi cromatici sfumare un po’ di terra anche sul collo e dècolletè
– Va stesa con movimenti rotatori partendo dal mento, poi su guance e naso, quindi sulla fronte.
– E’ meglio utilizzare ogni volta una minima quantita’ di terra ed eventualmente , per intensificare il colore, sovrapporre piu’ applicazioni.
-Si puo’ sfumare anche nella zona del contorno occhi (usando un pennellino piu’ sottile) al posto del correttore.
La tonalita’ va scelta in base al colore della carnagione e all’intensita’ di abbronzatura che si desidera raggiungere .



Correttore, fondotinta e cipria devono essere il piu’ vicino possibile al colore naturale della pelle. Per quanto riguarda il fard o blush , la nuance ideale deve armonizzare con il colorito e con il make-up. Ma alcune sfumature, meglio di altre, illuminano i diversi tipi di carnagione, specie d’inverno quando la pelle e’ opaca e piuttosto spenta.
-Per le carnagioni chiare sono indicate le tonalita’ rosate, dal rosa tenue, al rosa puro fino al fucsia.
-Per gli incarnati medi vanno bene le sfumature dorate, dal pesca all’albicocca.
-Per pelli scure o olivastre si’ ai toni caldi, dal biscotto al mattone, fino agli arancio piu’ decisi.


You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Leave a Reply