Olio Essenziale di Neroli

Oilo essenziale di Neroli

L’olio essenziale di neroli viene estratto dalla distillazione dei fiori dell’arancio amaro, inizialmente veniva usato per profumare gli ambienti e gli indumenti, successivamente per usi curativi fitoterapici .

L’estratto deve il suo nome alla principessa di Nerola Marie Anne de La Trémoille,  moglie del Duca Flavio Orsini di Bracciano, che nel XVII secolo iniziò ad usarlo come profumazione per indumenti .

Per ottenere l’olio essenziale di neroli, si provede alla distillazione di fiori freschi dell’arancio amaro, dal quale viene estratta la parte oleosa, il rapporto di resa è all’incirca del 0,1%,  ovvero da 100 kg di fiori di arancio freschi si riesce ad ottenere per distillazione circa 100 centilitri di olio essenziale. Alla fine del processo produttivo si presenta con il colore giallo paglierino, ma con il tempo e l’azione della luce solare tende a scurire fino a raggiungere una colorazione bruno rossastra, quasi violacea.

Le proprietà dell’olio essenziale di neroli sono molteplici, a partire da quelle calmanti, astringenti e rigeneranti. Quindi viene usato inerboristeria ed in  aromaterapia come  antidepressivo, riequilibrante per la mente, antisettico, antinfiammatorio, antispastico, digestivo ed anche come afrodisiaco.  Inoltre ha doti calmanti che possono aiutare la digestione, curare l’intestino e cancellare la sensazione di nausea. Alcuni ipotizzano che uno degli ingredienti segreti della nota bibita Coca Cola, sia appunto l’olio essenziale di neroli, ma di questo non si ha conferma.

Ci sono diveri tipi di utilizzo dell’olio essenziale di Neroli, quindi è meglio affidarsi ad una buona erboristeria che ci consiglierà al meglio sul suo utilizzo.

Articoli che trattano l'argomento -

Inserisci un Commento


Basato su WordPress | Web Partner: Non Solo Nozze | Ricette Veloci